« Signore, da chi andremo ? Tu hai parole di vita eterna » Gv 6,68



Abbonatevi !
Scrivete la vostra e-mail
(gratuito)


Confermate la vostra e-mail

















 
   

Giovedì della VII settimana di Pasqua
Meditazione del giorno
San Pier Damiani (1007-1072), eremita poi vescovo, dottore della Chiesa
Opuscoli, 11 « Dominus vobiscum », 6

"Come tu Padre sei in me e io in te, siano anch'essi in noi una cosa sola"

      La santa Chiesa, sebbene sia diversa per la moteplicità delle persone, è fusa nell'unità dal fuoco dello Spirito Santo: e perciò, anche se nel suo corpo visibile sembra essere divisa in diversi luoghi, questo non toglie nulla al mistero della sua intima unità. Infatti «l'amore di Dio è stato riversato nei nostri cuori per mezzo dello Spirito Santo che ci è stato dato» (Rm 5,5). È dunque questo Spirito, uno e molteplice, uno nella maestà dell'essenza e molteplice nei diversi doni, a permettere alla Chiesa Santa, da lui colmata, di essere una nella totalità e tutta intera nelle sue parti...

      Se dunque coloro che credono in Cristo sono una cosa sola, dovunque è presente visibilmente un membro, ivi è anche presente misticamente tutto il corpo... Ecco perché, quando parecchi fedeli si trovano insieme, possono dire: «Signore, tendi l'orecchio, rispondimi, perché io sono povero e infelice. Custodiscimi perché sono fedele» (Sal 86,1-2). E quando siamo da soli, possiamo tuttavia cantare: «Esultate in Dio, nostra forza, acclamate al Dio di Giacobbe» (Sal 81,2). Non è inopportuno dire tutti insieme: «Benedirò il Signore in ogni tempo, sulla mia bocca sempre la sua lode» (Sal 33,2), o proclamare, mentre sono da solo: «Celebrate con me il Signore, esaltiamo insieme il suo nome» (Sal 34,4), e altre espressioni simili. La solitudine non impedisce a nessuno di parlare al plurale, e la moltitudine dei fedeli può certo esprimersi al singolare. La potenza dello Spirito Santo che abita in ognuno dei fedeli e li avvolge tutti insieme, fa sì che ci sia qui una solitudine riccamente popolata, e lì una moltitudine che è una cosa sola.



 
©Evangelizo.org 2001-2018