« Signore, da chi andremo ? Tu hai parole di vita eterna » Gv 6,68



Abbonatevi !
Scrivete la vostra e-mail
(gratuito)


Confermate la vostra e-mail

















 
   

Lunedì della XXXI settimana delle ferie del Tempo Ordinario

Lettera di san Paolo apostolo ai Filippesi 2,1-4.
Fratelli, se c'è pertanto qualche consolazione in Cristo, se c'è conforto derivante dalla carità, se c'è qualche comunanza di spirito, se ci sono sentimenti di amore e di compassione,
rendete piena la mia gioia con l'unione dei vostri spiriti, con la stessa carità, con i medesimi sentimenti.
Non fate nulla per spirito di rivalità o per vanagloria, ma ciascuno di voi, con tutta umiltà, consideri gli altri superiori a se stesso,
senza cercare il proprio interesse, ma anche quello degli altri.



Salmi 131(130),1.2.3.
Signore, non si inorgoglisce il mio cuore
e non si leva con superbia il mio sguardo;
non vado in cerca di cose grandi,
superiori alle mie forze.

Io sono tranquillo e sereno
come bimbo svezzato in braccio a sua madre,
come un bimbo svezzato è l'anima mia.

Speri Israele nel Signore,
ora e sempre.





Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Luca 14,12-14.
In quel tempo, Gesù disse al capo dei farisei che l'aveva invitato: «Quando offri un pranzo o una cena, non invitare i tuoi amici, né i tuoi fratelli, né i tuoi parenti, né i ricchi vicini, perché anch'essi non ti invitino a loro volta e tu abbia il contraccambio.
Al contrario, quando dài un banchetto, invita poveri, storpi, zoppi, ciechi;
e sarai beato perché non hanno da ricambiarti. Riceverai infatti la tua ricompensa alla risurrezione dei giusti».




Meditazione del giorno : San Gregorio Nazianzeno
“Invita i poveri”



 
©Evangelizo.org 2001-2014