« Signore, da chi andremo ? Tu hai parole di vita eterna » Gv 6,68



Abbonatevi !
Scrivete la vostra e-mail
(gratuito)


Confermate la vostra e-mail

















 
   

Mercoledì delle Ceneri
Meditazione del giorno
San Leone Magno (? - ca 461), papa e dottore della Chiesa
Discorso 10° sulla quaresima; SC 49

Gli esercizi della quaresima: "Laceratevi il cuore e non le vesti, ritornate al Signore vostro Dio" (Gl 2,13)

       Il Signore ha detto: “Non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori” (Mt 9,3). Non è dunque permesso a nessun cristiano odiare chicchessia, tutti infatti sono salvati grazie al perdono dei peccati... Quindi il popolo di Dio sia santo e sia buono: santo per voltare le spalle a ciò che è vietato, buono per compiere ciò che è comandato. È cosa grande, certo, avere una fede retta e una dottrina santa; è degno di lode reprimere la golosità, avere una mitezza e una carità irreprensibili, ma tutte queste virtù non sono nulla senza la carità...

      Carissimi, è vero che per esercitare il bene della carità ogni tempo è appropriato; questi giorni tuttavia lo sono in modo speciale. Quanti desiderano di arrivare alla Pasqua del Signore con la santità dell’anima e del corpo si sforzino al massimo di acquistare quella virtù nella quale sono incluse tutte le altre in sommo grado, e dalla quale è coperta “la moltitudine dei peccati” (1 Pt 4,8). Mentre stiamo per celebrare il mistero più alto di tutti, il mistero del sangue di Gesù Cristo che ha cancellato le nostre iniquità, prepariamoci con i sacrifici della misericordia. Ciò che la bontà divina ha elargito a noi, diamolo anche noi a coloro che ci hanno offeso. Le ingiustizie siano gettate nell’oblio, le colpe non provochino il castigo, e quanti ci hanno offesi non temano di essere ripagati allo stesso modo...

      Ognuno deve sapere bene di essere peccatore, e, per ricevere il perdono lui stesso, deve rallegrarsi di aver trovato qualcuno a chi perdonare. Così quando diremo secondo l’insegnamento del Signore: “Rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori” (Mt 6,12), saremo sicuri di ricevere la misericordia di Dio.



 
©Evangelizo.org 2001-2018