« Signore, da chi andremo ? Tu hai parole di vita eterna » Gv 6,68



Abbonatevi !
Scrivete la vostra e-mail
(gratuito)


Confermate la vostra e-mail

















 
   

Venerdì fra l'Ottava di Pasqua
Meditazione del giorno
San Gregorio di Narek (ca 944-ca 1010), monaco e poeta armeno
Il libro di preghiere, n°66; SC 78, 411

« Quando già era l'alba Gesù si presentò sulla riva »

      Dio misericordioso, compassionevole, amico dell'uomo (Sap 1,6)..., quando parli, tutto è possibile, persino ciò che sembra impossibile alla nostra mente: Tu doni un frutto saporito in cambio delle dure spine di questa vita...

      Signore Cristo, «il nostro respiro» (Lam 4,20) e splendore della nostra bellezza..., luce e datore di luce, non hai piacere del male, non vuoi che alcuno si perda, non godi della morte di chi muore (Ez 18,32). Non sei turbato dal disordine, né assoggettato all'ira; non sei incostante nel tuo amore, né mutevole nella tua compassione; non cambi nella tua bontà. Non giri le spalle, non ti volti, ma sei totalmente luce e volontà di salvezza. Quando vuoi perdonare, puoi farlo; quando vuoi guarire, sei potente; quando vuoi vivificare, ne sei capace; quando vuoi accordare la tua grazia, sei prodigo; quando vuoi rendere la salute, sei abile... Quando vuoi rinnovare, sei creatore; quando vuoi risuscitare, sei Dio... Quando, prima ancora che lo chiediamo, vuoi stendere la mano, non ti manca nulla... Se vuoi rafforzare me che sono scosso, sei roccia; se vuoi dar da bere a me che sono assetato, sei fonte; se vuoi rivelare ciò che è nascosto, sei luce...

      Tu, che per la mia salvezza hai combattuto con forza..., hai preso sul tuo corpo innocente tutta la sofferenza dei castighi che avevamo meritati, affinché, come esempio, manifestassi negli atti la compassione che ci porti.



 
©Evangelizo.org 2001-2017